È bastata una mail per fregare l’account di posta al capo della campagna Clinton